12.10.2017

Tribunale di Siena condanna la banca per TAEG errato

Il Tribunale di Siena condanna la banca per pubblicità ingannevole (TAEG errato): il mutuo viene ricalcolato al tasso BOT, con un recupero di € 5.372,63 e un risparmio di 50 rate future.

Il cliente, attraverso una perizia eseguita dagli analisti finanziari di GMB Finance, ottiene il ricalcolo del mutuo al tasso BOT, recuperando € 5.372,63 e riducendo il mutuo di 50 rate, ovvero oltre 4 anni.
 
Il cliente aveva stipulato nel 2009, con una primaria banca italiana, un mutuo fondiario di importo pari ad €189.000, a tasso variabile e rata costante. Attraverso la perizia tecnica eseguita dagli analisti finanziari della GMB Finance, è emerso come il TAEG dichiarato alla data di stipula del contratto, indicato in 2,51%, fosse più basso rispetto al TAEG reale. Dopo avere tentato un accordo bonario con la banca, non andato a buon fine, il cliente, nel settembre del 2016 instaura un ricorso ex art. 702 bis e ter c.p.c. per contestarne la validità e l’efficacia, e richiedere la restituzione del mutuo al tasso BOT, secondo quanto indicato dall’art. 117 del TUB.

Il Giudice, dopo avere ammesso la Consulenza Tecnica d’Ufficio, conferma quanto asserito nella perizia finanziaria della GMB Finance, avendo rilevato, sulla base dei calcoli del CTU, che il TAEG effettivamente applicato era pari a 2,5179065%, ovvero 0,0079065 più alto rispetto a quello indicato nel contratto, pari a 2,51%, e accoglie il ricorso del cliente, confermando l’applicazione dell’articolo 117 TUB. Il cliente riesce così ad ottenere, in soli 12 mesi dall’avvio del contenzioso, la restituzione di un importo pari ad € 5.372,63 oltre interessi legali, risultato del confronto tra le rate effettivamente corrisposte con quelle risultanti dal piano di ammortamento rielaborato al tasso BOT. Inoltre il Giudice stabilisce il diritto del cliente di restituire il debito residuo secondo il piano di ammortamento calcolato al tasso minimo BOT più vantaggioso emesso nei dodici mesi precedenti la conclusione del contratto. Così facendo, il cliente pagherà 50 rate in meno rispetto al piano di ammortamento originario, concludendo il mutuo 4 anni prima la sua durata naturale indicata in sede di stipula.

Infine, è di fondamentale importanza rilevare come il Giudice abbia confermato che devono ritenersi senz’altro inclusi all’interno del calcolo del TAEG gli interessi di preammortamento, trattandosi di una componente del costo del mutuo non espressamente esclusa dalla normativa, confermando che la data della messa a disposizione deve presumersi quella della stipula del contratto di mutuo.

Da un campione di oltre 10.000 mutui da noi analizzati, due contratti su tre risultano irregolari per pubblicità ingannevole, ovvero per mancata o inesatta indicazione del TAEG. GMB Finance mette a vostra disposizione i suoi professionisti e la sua esperienza per valutare, attraverso uno studio di fattibilità gratuito e senza impegno, la regolarità dei vostri contratti bancari. Solo se verranno riscontrate anomalie potranno essere prospettate delle possibili azioni di recupero.
Per richiedere uno studio di fattibilità gratuito e non vincolante sui tuoi contratti bancari, e scoprire se hai diritto ad un rimborso, contatta lo 06.8540346 oppure invia una email a gmb@gmbfinance.it

Non hai i documenti? Non preoccuparti: ci pensiamo noi, gratuitamente, a richiederli alla tua banca

link to page

Servizi per aziende

Scopri come possiamo aiutare la tua azienda a stabilire un rapporto paritario con le istituzioni bancarie.

 
link to page

Servizi per privati

Scopri come i nostri esperti controllano la regolaritĂ  dei vostri contratti bancari per ricercare anomalie.

 

© GMB Finance Solutions S.r.l. - P.Iva 12751211009 - gmb@gmbfinance.it