Mutui o
finanziamenti

Se nel tuo contratto di mutuo o finanziamento vi sono delle irregolarità potresti aver diritto ad un rimborso dalla tua banca.

Se non riesci più a pagare le rate del tuo mutuo o finanziamento, se hai ricevuto un decreto ingiuntivo, un precetto o un pignoramento, o se la tua casa sta per andare all’asta, potremmo aiutarti a trovare una soluzione per le tue specifiche esigenze!

Per la nostra esperienza due contratti su tre sono irregolari, ed è possibile ottenere fino a € 80.000 ogni € 120.000 erogati!

Traguardi raggiunti

oltre 10000

Contratti di mutuo
e finanziamento analizzati

65 mln

Milioni
recuperati

245mln

Milioni di debito
risparmiato

Verificarlo
è semplice!

Ti diamo la possibilità di richiedere uno studio di fattibilità gratuito.

01

Studio di fattibilità gratuito

Dovrai solamente inviarci:

  • il tuo contratto di mutuo o finanziamento;
  • il documento di sintesi;
  • l’assicurazione;
  • la tua situazione debitoria.
02

Perizia tecnica e negoziazione

Dopo aver ricevuto mandato da parte tua procederemo con una perizia tecnica e contatteremo la tua banca per discutere un accordo bonario.

03

Contenzioso giudiziale

Se non si trova un accordo bonario con l’Istituto, o se c’è l’esigenza di presentare un’opposizione ad un’azione legale subita, i nostri avvocati si occuperanno di gestire il contenzioso nei confronti della banca.

Non hai
i documenti?

Non preoccuparti, ci pensiamo noi gratuitamente a richiederli alla tua banca. È possibile richiedere un rimborso su contratti chiusi fino a 10 anni fa!

Ecco come funziona

Sai che se nel tuo contratto di mutuo o finanziamento vi sono delle irregolarità potresti aver diritto ad un rimborso dalla tua banca? Per la nostra esperienza 2 contratti su 3 sono irregolari, ed è possibile ottenere fino a €80.000 ogni € 120.000 erogati!

approfondisci

In Italia la Corte di Cassazione si è pronunciata più volte a favore dei clienti che avevano sottoscritto mutui usurari. Le costanti anomalie che si riscontrano sono dovute all’applicazione di tassi usurari o alla mancata o all'inesatta indicazione dell’ISC o TAEG. Per i mutui ed i finanziamenti stipulati a partire da ottobre del 2003, le Banche sono obbligate ad indicare l’ISC (Indicatore Sintetico di Costo), calcolato secondo la metodologia del TAEG, in base alla delibera CICR n. 286 del 2003.

La Corte di Giustizia Europea (sentenza n. 15.3.2012 C 453/10), ha dichiarato che la pratica di dichiarare un TAEG/ISC errato costituisce pratica di pubblicità ingannevole. Tale orientamento è stato confermato da alcuni tra i principali Tribunali italiani.

In base all'art. 117 T.U.B., commi 6 e 7, qualora la banca indichi un tasso più sfavorevole di quello pubblicizzato sul contratto, la clausola è nulla e il cliente può rimborsare l'intero finanziamento ai tassi BOT dell’epoca (ricordiamo che i Buoni Ordinari del Tesoro rappresentano i tassi con cui si indebita la Repubblica Italiana). Pertanto, per tutte le rate pregresse la banca dovrà corrispondere al cliente la somma derivante dalla differenza tra il tasso effettivamente pagato (TAN) ed il tasso BOT (quest’ultimo generalmente inferiore del 50%-60%), mentre per quanto concerne le rate future esse dovranno corrispondersi non più al tasso contrattualizzato bensì al tasso BOT.

Da un campione di oltre 10.000 mutui e finanziamenti analizzati, due mutui su tre risultano irregolari per pubblicità ingannevole, in quanto la banca aveva indicato un TAEG irregolare.

Se nel tuo mutuo o finanziamento sono presenti tali criticità, potresti richiedere:

  • la restituzione degli interessi pagati in eccesso;
  • la rivalutazione degli interessi già corrisposti;
  • la riduzione delle rate future.

Se sei indietro con i pagamenti delle rate, o se la banca ha già avviato un’azione esecutiva nei tuoi confronti, potremmo:

  • ristrutturare la rata;
  • opporci al precetto o al decreto ingiuntivo;
  • bloccare l’asta;
  • sospendere il pignoramento.

La perizia tecnica attestante delle criticità sul tuo contratto di mutuo o finanziamento può essere il giusto strumento per concludere una trattativa con la banca oppure il mezzo da utilizzare in giudizio per opporsi ad un’azione.

Verificare il tuo mutuo o finanziamento è semplice, e ti diamo la possibilità di richiedere uno studio di fattibilità gratuito e senza impegno. Dovrai solamente inviarci:

  • il tuo contratto di mutuo o finanziamento;
  • il documento di sintesi;
  • l’assicurazione;
  • la tua situazione debitoria.

In pochi giorni il nostro team di analisti finanziari eseguirà un’analisi preliminare, gratuita e non vincolante, volta alla verifica di dette criticità, e un nostro consulente ti contatterà per illustrarti le eventuali irregolarità rilevate, l’ammontare del rimborso che è possibile richiedere e la strategia da seguire in linea con i tuoi obiettivi.

Dopo aver ricevuto mandato da parte tua i nostri analisti procederanno con una perizia tecnico - finanziaria: si tratta di un dossier elaborato in cui vengono messi in evidenza tutti gli elementi di mala gestio della banca, in violazione alle norme primarie e secondarie. Sulla base dei risultati ottenuti dalla perizia, GMB Finance provvederà a redigere una lettera di reclamo, che verrà inviata all’ufficio preposto della banca, avviando così la fase di negoziazione e trattativa stragiudiziale, finalizzata ad ottenere un accordo bonario con l’Istituto. Se il contratto invece non è pagato regolarmente, o se c’è un’azione esecutiva posta in essere dalla banca, allora i legali della GMB Finance provvederanno ad avviare una strategia personalizzata fatta su misura per te. Potranno prendere contatti con la banca per sondare il terreno per un accordo bonario realizzato sulla base delle tue specifiche esigenze, proporre una trattativa a saldo e stralcio della posizione, verificare una possibile ristrutturazione del debito, avviare un’azione legale in prevenzione o, se necessario, predisporre l’opposizione per un’azione esecutiva.

Qualora la trattativa non dovesse andare a buon fine o la banca rigettasse il reclamo procederemo con la Mediazione Civile obbligatoria. Tale procedura è stata introdotta dal D.lgs 28/2010, avente carattere di procedibilità giudiziaria, ed ha l’obiettivo di trovare una soluzione stragiudiziale di fronte ad un Organismo di Mediazione autorizzato dal Ministero della Giustizia.

Nel caso in cui non si dovesse addivenire ad una definizione bonaria in sede di Mediazione, i professionisti della GMB Finance, insieme ai propri legali specializzati in diritto bancario e finanziario, si occuperanno di incardinare una causa civile ordinaria, e seguiranno il cliente in tutte le fasi del contenzioso.

© GMB Finance Solutions S.r.l. - P.Iva 12751211009 - gmb@gmbfinance.it